mercoledì 23 novembre 2011

L'Arte in Italia...come? Cosa? Cos'è l'Arte? Ma secondo me l'Arte è...Ma quello lo so fare anche io...Pagliacci!



Ogni tanto ritornano i discorsi su cos'è arte e cosa non lo è, insieme a queste discussioni anche tutti i filosofi pret à porter che sfoderano le loro ignorantissime teorie di verità.

A me che mi frega?

Tantissimo, visto che ho fatto anni di studi e mi stufo facilmente del chiacchiericcio da Bar. Le teorie sulla definizione di Arte sono in continuo aggiornamento, da Winckelmann in poi sono tanti coloro che studiano un modo per stabilire cosa è arte e cosa non lo è. Fino a questo punto tutto bene, poi questi discorsi si spostano al baretto sotto casa, in questo caso forum e blog insomma chiunque abbia una bocca per respirare, anche la lavandaia esprime una sua definizione dettata dal gusto personale, per carità libera di farlo, ma non spacciamola per fondamento e scienza esatta, perchè sarebbe una follia.
Nel mondo del fumetto questa verità è ancora più soggettiva per cui tutti si fregiano della loro definizione di cos'è Arte, questo però mette alla luce un'ignoranza e un'impreparazione disarmante.
Quindi si discute se il fumetto è Arte o Artigianato o altro, spesso con falsi modesti che predicano da artigiani e razzolano da Artisti e lo sono come Sallustri è un giornalista.

L'Arte in Italia è mediocre, gli artisti invece ci sono. Esistono delle realtà che pur con fatica attraverso la loro passione danno visibilità a nuove realtà artistiche.
Ho avuto modo di conoscere una gallerista che sacrifica tempo, denaro e impegno nel proporre nuovi artisti italiani, non i classici quotati o i copiatori, ma i nuovi talenti seguendo una linea stilistica che caratterizza la galleria.
Fate un salto e date uno sguardo a questa galleria di Modena.

E nel fumetto?

Il fumetto può fare Arte è chiaro, ma il termine artista in questo ambiente è abusato, quindi anche l'ultimo dei peracottai diventa artista, in automatico sono tutti artisti e nessuno artista.

La critica che ruolo ha?

La critica nel fumetto a volte è fatta con passione e serietà, certo non sempre all'altezza del ruolo, ma non ci si può attendere troppo senza un investimento economico serio, in altri casi è fatta solo di polemicuccia, pochezza e naturalmente impreparazione. A volte il critico è lo stesso che dovrebbe essere criticato in un banalissimo conflitto d'interesse, ma in un ambiente dove la professionalità si acquisisce tra chiacchiere al pub ed esaltazioni popolari non si può pretendere più di tanto.

I fumettisti sono almeno coscienti di cosa sia Arte?

Qualcuno lo è, a qualcuno non frega nulla, qualcun'altro ripudia l'Arte e la teme, come se fosse una cosa brutta e sporca. Questo succede perchè i fumettisti non sono preparati, non si aggiornano , non si guardano attorno e passano il loro tempo dentro casa a guardare il proprio lavoro.
Alcuni non guardano e non leggono i lavori altrui, come ha detto pubblicamente Giacomo Ponti facendosene un vanto e criticando la difficoltà di lavorare nel fumetto...mah! E' come se un chirurgo non si aggiornasse mai sulle nuove tecniche, vi fidereste di farvi operare da uno così?


E' importante ricordare che l'Arte scaturisce dal confronto, a volte da rivalità e curiosità, una continua ricerca e crescita che porta l'artista ad evolvere in continuazione ad assorbire dall'ambiente che lo circonda stimoli ed emozioni.
Cito questa frase di Bacon (non è Kevin) che ho lasciato nel blog in memoria.

Io penso che la creazione,
in gran parte,

è il risultato della capacità
autocritica di
un artista;
spesso è proprio il senso critico

a rendere un pittore
meglio di un altro,

non più dotato,
ma con un senso critico

più forte.

F.Bacon

Ai tanti che si vendono come artisti e non lo sono, rassegnatevi e abbiate l'ambizione di diventarlo lavorando di più e dichiarandolo meno, magari risparmiando anche in qualche foto da poeta maledetto, siate sinceri con voi stessi e forse artisti ci diventerete pure.

L'Arte in Italia come funziona?

L’invio della fotografia della propria opera per l’eventuale selezione equivale a proposta contrattuale.


2. ISCRIZIONE: all’artista, la cui opera sarà selezionata, sarà data comunicazione via mail o telefonicamente ENTRO il 27 NOVEMBRE 2011, invitandolo al versamento della Quota di Iscrizione sotto indicata che dovrà pervenire preferibilmente ENTRO IL 27 NOVEMBRE 2011.

La comunicazione dell’avvenuta selezione equivale ad accettazione della proposta di cui al punto 1.

3. QUOTA DI ISCRIZIONE E SCHEDA DI ADESIONE:

NOME E COGNOME ARTISTA: .................... ...................................................................................................

INDIRIZZO COMPLETO - TEL FISSO E CELLULARE - MAIL - SITO: ...................................................................

.................................................................................................................................................................

.................................................................................................................................................................

PARTECIPO CON: ___ 1 OPERA = 400 € ___2 = 800 € ___3 = 1.100 € ___4 = 1.500 €

MODALITA’ DI VERSAMENTO PER L’ISCRIZIONE. Il versamento potrà essere effettuato con le seguenti modalità:

PAGAMENTO: ACCONTO: al momento dell’adesione. SALDO: preferibilmente entro il 27 Novembre 2011 tramite:

BONIFICO BANCARIO: versamento su Conto Corrente Bancario UNICREDIT BANCA TO V. Emanuele II , 6/A - 10123 Torino intestato a “Associazione culturale Galleria Folco”

CODICE IBAN: IT 33 S 02008 01133 000041234116

CODICE BIC SWIFT per l’Estero: UNCRITB 1 AD 3

Causale: ITALIA PRAGA 2011 + nome artista


BOLLETTINO POSTALE: versamento su C.C.P. numero 64126816 intestato a ITALIA ARTE DI FOLCO GUIDO. Causale: “ITALIA PRAGA 2011 + nome artista”

CONTANTI o ASSEGNO: presso la Redazione di “Italia Arte”, corso Cairoli, 4 - 10123 Torino.

In caso di mancato pagamento della quota di iscrizione nei termini di cui al punto 2, l’artista sarà tenuto al pagamento a titolo di penale dell’importo di € 200 OLTRE LA QUOTA PREVISTA PER LA PARTECIPAZIONE a favore di “Associazione Culturale Galleria Folco” o “Italia Arte”, fatto salvo il risarcimento del danno.

4. SPEDIZIONE E CARATTERISTICHE DELLE OPERE:

LE OPERE DOVRANNO PERVENIRE ALLA REDAZIONE DI ITALIA ARTE - CORSO CAIROLI 4 - 10123 TORINO, ENTRO E NON OLTRE IL 27 NOVEMBRE 2011 E POSSIBILMENTE NEI GIORNI TRA IL 15 E IL 27 NOVEMBRE 2011. Le opere dovranno essere accompagnate dalla fotocopia del versamento della quota di iscrizione che dovrà anche essere inviata via mail a: italiapraga2011@libero.it

DIMENSIONI DELLE OPERE AMMESSE IN MOSTRA: 1: Pittura con varie tecniche e materiali - fotografia (max 100x100 cm) - 2: Incisione - 3: Scultura in varie tecniche e materiali (max 70x70x70 cm circa o comunque da concordare) - 5: Installazioni, Performances, Video Arte, Computer Art.

4. RESTITUZIONE DELLE OPERE: LE OPERE SARANNO RISPEDITE AGLI ARTISTI IN CONTRASSEGNO CON IL CORRIERE MAIL BOXES ETC.-UPS/SDA DI TORINO, CONVENZIONATO CON “ITALIA ARTE”, DEBITAMENTE IMBALLATE ENTRO 15 GIORNI DALLA FINE DELLA MOSTRA (salvo il ritiro personale al termine della mostra previo appuntamento con la Redazione o altri personali accordi con l’Organizzazione)

5. “ITALIA ARTE” SI IMPEGNA A FORNIRE I SEGUENTI SERVIZI ALL’ARTISTA:

Il versamento della quota di iscrizione comprende:

Spazio espositivo Istituto Italiano di Cultura di Praga

Allestimento mostra e trasporto opere con furgone dedicato all’Istituto Italiano di Cultura di Praga dalla sede torinese di “Italia Arte” e rientro a Torino a fine mostra

Assicurazione ‘chiodo a chiodo’

Servizio speciale sul mensile “Italia Arte”

Catalogo della mostra e testi critici per gli artisti

Presenza sul sito: www.italiaarte.it


Capito?

Con una base di 400 euro potete essere artisti. PAGLIACCI!!! L'Arte è ben altra cosa e se vi capita di andare a mostre simili ricordate i criteri di selezione.


Il Buon Ambu.

4 commenti:

Andrea Cascioli ha detto...

Ambu, sei un dannato polemico. Cerchi la rissa ad ogni costo, ti diverti a provocare e secondo me ti diverti pure un pochettino.
Ma stavolta, Ambu, hai ragione da vendere.
Parole sante, le tue, che sottoscrivo una ad una, in pieno.
Ma proprio super in pieno.
Bravo, Fabiano, confermo e sottoscrivo.
Pagliacci!
Sono proprio dei pagliacci!
Fra l'altro prendono per la gola quattro ignorantelli (spesso giovani) convinti anche loro che basti pagare per diventare Artisti.
Questo produce cataloghi pieni di opere brutte, fatte da gente brutta che alimenta un mondo brutto fatto di opere scelleratamente brutte che saranno d'esempio a futuri "artisti" i quali si sentiranno autorizzati ad essere brutti.
Pagliacci!
Bravo Ambu, stavolta sono proprio d'accordo con te!
Andrea Cascioli.

Kromo ha detto...

Permesso...

Ciao...

sono d'accordo con quanto scritto ma c'è una cosa che mi ha fatto scattare un campanellino. OT dal discorso, ma che ci hai messo dentro:

"anche la lavandaia esprime una sua definizione dettata dal gusto personale, per carità libera di farlo, ma non spacciamola per fondamento e scienza esatta"

Ecco, mi sono rotto le palline a sentire ovunque questo "libero di farlo"... NO!!!

Prima di parlare mi hanno insegnato a ragionarci sopra e quindi non accetto chi spaa cagate perchè "è libero di farlo".
Lo sei se parli dell'argomeno di cui stiamo parlando!!!

Questo è quello che succede su forum e blog. Ho una tastiera e sono libero di farlo.

Bravo Fabiano, continua rompere le palle a tutti che fai bene.
F***ulo a chi dice il contrario

:)

P.S: sono OT... ma sono libero di farlo XD

Michele Carminati ha detto...

Dice il Saggio: "Impara l'arte e mettila da parte..."

Capitan Ambù ha detto...

Grazie Andrea per l'appoggio morale.

Per Kromo, avanti è aperto, accomodati! Sono "liberi di farlo" è inteso come un bimbo che fa i capricci, lo lasci sfogare e non gli dai attenzione.

Per Michele, intanto l'Arte è meglio impararla e se uno riesce ad avvicinarsi difficilmente la mette da parte!